STYLE
MODENIBAL - Meno lusso e più (nuova) normalità per il post-coronavirus degli influencer
di Angelo Ruggeri
2020-06-29 12:46:26
Basta con le paid promotion per il lancio di una nuova borsa. Stop agli hashtag #adv nel post di un nuovo outfit di una delle mille griffe francesi. Basta con le collaborazioni a pagamento per svelare un nuovo modello di occhiali da sole. Almeno per ora. Perché il mondo della moda, nell’era post Coronavirus, non ha ancora raggiunto la forza di inizio Gennaio scorso. Ce la sta mettendo tutta, certo, ma la strada, per ritornare a prima della pandemia, è ancora lunga.

Tutto questo, ovviamente, influisce anche sul digital marketing, soprattutto sugli influencer del mondo del lusso. Infatti, dopo aver assodato che la moda ha, almeno per ora (speriamo!), poco budget da investire, le celebrity del web hanno puntato a qualcosa di meno deluxe rispetto all’universo a cui erano abituati, ovvero alla vita di tutti i giorni, alla nuova normalità. E hanno iniziato a firmare contratti con brand appartenenti al mondo del food e non solo.

Qualche esempio eclatante? Le recenti collaborazioni della influencer italiana numero 1, Chiara Ferragni. La fondatrice di The Blonde Salad e imprenditrice digitale (così vuole che la si definisca, da qualche anno), che era solita postare, con l’hashtag #adv, prodotti di abbigliamento, gioielli, viaggi luxury, sembra aver cambiato direzione, almeno per il momento. Dopo aver dedicato un post alla cheesecake realizzata con la ricotta Galbani durante il lockdown, qualche giorno fa ha inserito nelle Instagram story un video postato su TikTok che la vede impegnata a pulire i vetri del box doccia di casa, con il Viakal. Con tanto di tag al marchio e #adv. Non solo. Recentemente, ha reso nota anche la collaborazione con l’azienda alimentare italiana Aia e i suoi filetti di pollo «semplicemente panati», realizzando addirittura un post del piatto, poco prima di pranzare. Che la routine domestica sia diventata il nuovo lusso?

Chiara Ferragni Aia
Chiara Ferragni Viakal