SOUND
Come la musica latina ha monopolizzato il mercato globale
di Dario Simonetti
2020-11-08 20:24:52

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una vera e propria invasione latina, con l'affermazione a livello globale di artisti che, se prima erano strettamente associati ad un mercato locale come quello sudamericano, oggi sono a tutti gli effetti delle superstar mondiali. Per fare alcuni nomi, J BalvinBad BunnyMaluma e Ozuna sono tutti artisti che sfondano il muro dei 30 milioni di ascoltatori mensili su Spotify.

Si può dire che la globalizzazione della musica latina sia da attribuire a diversi fattori, come la diffusione dei serivizi di streaming in primis: gli utenti latini di servizi come Spotify ad Apple Music rappresentano circa il 20% del totale. Questo ovviamente è dovuto al fatto che la lingua spagnola è la seconda più parlata al mondo, di conseguenza un bacino di utenti così ampio aiuta i brani a “scalare” gli algoritmi, diffondendoli nelle classifiche e playlist di tutto il mondo.



L'aumento delle collaborazioni tra artisti appartenenti a mercati diversi, poi, ha sicuramente dato un'ulteriore spinta al movimento latino: possiamo considerare la partecipazione di Justin Bieber, nel 2017, al remix della già poplare “Despacito”, hit di Daddy Yankee Luis Fonsi, come il momento chiave che, successivamente, ha portato ad una serie di collaborazioni di incredibile successo. Alcuni esempi sono “Mia” di Bad Bunny Drake, ad oggi sicuramente l'artista più popolare al mondo, “I Like It” di Cardi B, J Balvin e Bad Bunny, e “Tusa”, collaborazione tutta al femminile tra la colombiana Karol G Nicki Minaj.
È recentissima, inoltre, l'uscita del remix di “Hawái” di Maluma, che vede l'artista di Medellìn unire le forze con uno dei nomi più gettonati di questo 2020, ovvero quello di The Weeknd.



In Italia, come in tutta Europa, l'interesse per il movimento latino è senza dubbio elevato, tanto da portare artisti come Jake La Furia e Fred de Palma a cimentarsi con le sonorità del momento. Il rapper torinese, in particolare, può essere definito come il principale esponente del reggaeton nel nostro paese, come testimoniano le numerose hit rilasciate negli ultimi anni, in particolare la recente “Paloma”, in collaborazione con la superstar brasiliana ed internazionale Anitta
Non possiamo non citare poi Sfera Ebbasta, che in brani come “Figli di Papà” o “Ricchi X Sempre” si è dimostrato in grado di dare la sua interpretazione anche dello stile latino. Il featuring con J Balvin, con il quale il rapper di Cinisello è grande amico, è uno dei più attesi tra quelli presenti nel suo prossimo album “Famoso”, in uscita il 20 Novembre.